www.superzeko.net  

Sommario del sito

    

Dario Chioli

COME L'UCCELLO CHE PLANA NEL VENTO

POESIE DEL 2016

   

 

L'ImperdonabileFrammenti sull'amore distruggitore
Come l’uccello che plana nel ventoNessuno se n'è accorto

Le decine di migliaia di libri che ho scorso

Rincorrere sentimenti e ricordi

   

   

L'IMPERDONABILE

  

E ciò che era Non Fatto è stato Fatto

e l’Ombra di ciò che Non Era

ha preso Essere

né si può tornare indietro –

ecco il senso dell’Incubo.

 

11/2/2016

 

  

  

COME L'UCCELLO CHE PLANA NEL VENTO

  

Quando quel che ho fatto si disferà nel sogno,

quando i libri letti, le parole sognate trascoloreranno nell’invisibile,

quando nessuno ricorderà il mio nome, il mio volto,

oh allora sarò felice, Signor mio,

così libero come l’uccello che plana nel vento,

come la foglia perduta nel suo presente di vento e gioia.

 

16/4/2016

 

  

   

LE DECINE DI MIGLIAIA DI LIBRI CHE HO SCORSO

 

Le decine di migliaia di libri che ho scorso,

i milioni di parole che hanno attraversato questo mio povero cuore,

saranno un dì polvere gli uni, le altre oblio.

Di tanto fare, tanto ricercare,

che rimarrà, mi chiedo, e la sola risposta

è nel silenzio vigile del mio vigile sonno.

Palpebre cucite contro il tempo,

emisferi cerebrali soffusi di tramonti e tenebre,

sensi accelerati e tacitati,

non vi è luogo né tempo

che possa svelarti, amico mio,

la visione del cieco, la musica del sordo,

che possa mostrarti

quel che è fuggito dal cuore

verso l’impenetrabile ardore dell’infinito.

 

16/4/2016

   

  

   

FRAMMENTI SULL'AMORE DISTRUGGITORE

  

Amore distruggitore,
ogni parola è distrutta,
ogni sogno vagliato,
ogni cuore spezzato.

Sento per questa via
giungere ad abbattere
ogni destino, ogni attesa,
araldi armati dello Spirito.

Guerrieri verso le tenebre
non attendono più luce,
in ardente deriva
travolgono il cuore del mondo…

*

Non per tutto c’è tempo, viene
l’ora della clessidra vuota,
del tempo distrutto...

 

22/4/2016

 

   

  

NESSUNO SE N'È ACCORTO

 

Patto scritto col sangue,
Temperato nel fuoco della collera,
Provato dalla violenza del mondo,
Non l’ha firmato un uomo.

Di quest’anima fragile
Ti dono il negro fiore,
Denso di profumo e colore,
E cada reciso l’inutile stelo del corpo.

Non ho più pazienza verso me stesso
E meno ancora verso questo stanco mondo:
Donami il silenzio intorno,
Che taccia il mondo, o io.

Le cose che desidero
Non sono, amico mio, proprio nulla.
Come un bambino travesto il mio scopo
Sotto vesti che giustificano il mondo.

Quanta follia, quanta follia.
La Torre esce ancora dal mazzo
Ed io ancora rigetto il gioco e spero
In un più profondo difficile destino.

Nel paese dell’anima
Nasconderei me stesso
Per fuggire da questa primavera
Della guerra e del dolore.

Chiedo a colui che risponde:
La mappa, ti prego, regalami,
Onde io vada per il sentiero deserto
In cerca del tuo volto.

Vieni a me, vieni a me:
Anima madre morte sole oscuro
Vento del dopo coltello che recide:
Presente, auspico l’assenza.

Fa’ ch’io viva, o uccidimi.
Non lasciarmi così a mezzo,
Donando quel che posso e vedendo
Che appare così poco.

Sai che t’ho inseguito così a lungo.
Non ch’io volessi qualcosa,
M’era proprio impossibile evitarlo:
Ora dammi, se vuoi, respiro.

Quanti fiori ho offerto,
Estirpandoli dal paradiso della mia anima.
Avessi offerto erbe velenose,
Ora non dovrei respirarne l’effluvio.

Esule dal mio presente,
Navigatore della mia memoria,
Mi tuffo a cercare una perla
Onde ornare la tua immagine.

Fingo che tu mi parli.
Forse non t’intenderei,
Però seguirei l’eco della tua voce
Fin là nel tuo paese segreto.

Sempre ho amato le lontananze,
Ora scopro quanto siano vicine,
Più vicine del sogno e della vita,
Appena fuori la porta della morte.

Mia madre temeva ch’io viaggiassi,
Che dovessi un giorno partirmene.
Io sono partito da tempo:
Nessuno se n’è accorto.

 

16/5/2016

 

  

   

RINCORRERE SENTIMENTI E RICORDI

 

Rincorrere sentimenti e ricordi
Pura follia

Io so questo
Sono andato e non torno

Quel con cui v’incrociate
Pare e non è
Pare ed è trascorso
E i molti discorsi sono eco
Di un irripetibile addio.

 

5/6/2016


  

 

Se vuoi invia un commento, specificando da che pagina scrivi:

scrivi@superzeko.net

Sommario