www.superzeko.net  

Sommario del sito

    

Dario Chioli

VENGONO STELLE SCINTILLANTI

Poesie dei diciassette anni

    

   

Sommario

1973 Forse colei dalle parole rade Nel mare d’infrangibile cristallo
Vengono stelle scintillanti La radice lucente Il sigillo
 Il volo delle idee Se si ferma l’istante  
Sorgenti Nonostante me stesso 1974
Eros Non hanno lacrime Spade

    

   
 

Vengono stelle scintillanti
 

Vengono stelle scintillanti
e s’includono in me,
ed io allargandomi a dismisura
comprendo lo spazio infinito del mondo.
Corrono i princpi del bene e del male
e cozzano splendidamente:
dal loro dissolversi io nasco.
E mentre gli incendi in alto e in basso
bruciano i troni dei princpi e dei prncipi,
io, come disco che vola lanciato lontano dagli occhi
e vicino a se stesso, e al profondo
immutabile vento del cammino,
per sempre illimitato irradio gli universi
e il mio sguardo contempla il proprio andare quieto
di l tra dimensioni intuite vaste,
di s immemore, attento a trovare in se stesso
l’atto puro dell’essere.

25.2.1973

   

   

Il volo delle idee

Compiaciuto osservo il volo delle idee.
Poco tempo, e in terra ritornano,
vergognose nascondono il viso.
Di nascosto mi ci guardo sperare,
di nascosto mi derido e compiango,
di nascosto mi uccido
per rinascere,
per rinascere.

31.III.1973

   

   

Sorgenti

Ora vedete quanto nuovo e strano
il nostro vivere, di noi che attingiamo
alle sorgenti della pura gioia
quando un sorriso ci pone dentro l’anima
un petalo di luce ed una fonte
fresca e discreta.

26.IV.1973

   

   

Eros

Dove io uomo e io donna v’abbracciate,
s, solo s voi siete nell’abbraccio:
Eros, lui solo, in voi vivere ed atto.
 
Dove voi nudi, perfettamente uniti,
senza pensieri al di fuori di quest’uno,
in ci siete coscienti di ci senza riserve,

 ecco in voi Eros, del s forma suprema:
fin qui non giunge coscienza d’esser due;
qualunque istante immergersi nel s.
 
Qui il vostro io, che guida il vostro moto,
ha trasceso il sembiante; per l’eros di voi due
all’atto assoluto si d tutto ogni istante.
 
A picco nel s, o tu finale io,
trascendi la coscienza che stasi ed esame,
nel moto perenne trascendi la fatica.
 
Nell’atto assoluto di Eros il sapere,
completo, gioioso, cosciente, senza scelta:
trascende il cercare, perennemente trova.
 
Chi solo non ama: costui vive cercando;
chi ama non cerca: costui vive trovando.
questo in eterno nell’atto di scoprire,

  quello senza sosta in faticosa stasi:
a quegli, che trova, per sempre Eros dar
la vita e il sapere, e all’altro toglier.
 

31.V.1973

   

   

Forse colei dalle parole rade

Forse colei dalle parole rade
vorrebbe porre a sera dentro le mie mani
il bacio occulto, il frutto del suo corpo.
 
Restando sola in queste sole notti,
chi sa se mai vorrebbe avere ora
il nodo che l’avvinca, zattera sul fiume,
traendola nell’aria rossa, dolce, ombrosa?

18.VI.1973

   

   

La radice lucente

Millenni oscuri pesano sul vivere:
dov’ la gioia che non s’affondi nel nulla?
dov’ il passaggio che non percorra cunicoli di tenebra?
dov’ il volto cui non copra un velo?
dov’ la radice lucente dei secoli?

28.VII.1973

   

   

Se si ferma l’istante

Se un luogo c’ dove non giunge il tempo,
se un tempo c’ dove non sia lo spazio,
se infine c’ un vivere che non sia neppure un vivere,
s, noi davvero cerchiamo.
 
Se si ferma l’istante e il punto non si espande,
se il punto non nulla e se l’istante vuoto,
se insieme tutto il futuro passato e il passato futuro,
s, non cerchiamo inutilmente.
 
Se nell’angoscia siamo volati sopra l’antitesi e la morte
e il dolore abbiamo tradotto in amore,
se nello spirito il soffio di Dio e il suo fuoco abbiamo adorato
e nel fuggire dal nulla profondo delle matrici
tra apocalissi e oscurit umilmente divini siamo divenuti,
s, noi cerchiamo il vero.

2.XI.1973

   

   

Nonostante me stesso

Nonostante me stesso,
da me stesso all’Inantitesi mi guido,
mi guido al cadere dei veli.
E sia breve pianto la ragione.
 

Come fosse in sogno, il mio schema
fuor degli schemi mi trae, mi porta
alla luce di Dio, cos strana.
Parrebbe ogni cosa ingannevole nodo.
 

Dai visceri sorge il respiro che trasmuta,
anela voluttuoso a un nuovo mondo libero,
al fiore di vita oltre stagni d’angoscia.
E vorrei la vita come un docile destino.
 

Follemente infrange i vincoli quest’anima
e riversa sulla morte morte ardente.
E ozio e sogno ormai la ragione.
E profondo concluso bagliore mi conduce.

2.XI.1973

   

   

Non hanno lacrime

Negano il pianto
a questo mondo oscuro.
 

Spregevole, dicono,
piangere.
 

Deserti senz’acqua che disseti,
il loro cielo non ha nuvole n stelle:
non hanno lacrime.
 

Arpe senz’accordi,
l’ala della musica ferita:
non hanno lacrime.

8.XI.1973

   

   

Nel mare d’infrangibile cristallo

Acquazzurra il cielo
e scende goccia a goccia
filtrando dalla volta che riluce
del gioco degli specchi a cui ricorrono,
nel mare d’infrangibile cristallo,
le luci che celano invidiose
per entro labirinti il lume eterno.

28.XI.1973

   

   

Il sigillo

Apponi il sigillo alla mia vita, o Dio.
E poi apponi il sigillo al mio dolore, o Dio.
E poi apponi il sigillo alla mia gioia, o Dio.
 

Apponi il sigillo alla mia mente, o Dio.
E poi apponi la luce al tuo sigillo, o Dio.

1.XII.1973

   

   

Spade

Della luce le spade afferra il bambino;
della pioggia le spade afferra il bambino;
dei colori le spade afferra il bambino.
 
Impunemente le spade di Dio
sulle mani ingenue del bambino
giocano a lungo.

3.I.1974
  

   

    

   

 

Se vuoi invia un commento, specificando da che pagina scrivi:

scrivi@superzeko.net

Sommario