www.superzeko.net  

Sommario del sito

IL GRANELLO DI SENAPE

Dario Chioli

 


 Se avrete fede quanto un granello di senape, e direte a questa montagna "trasportati di qui sin lÓ", essa si trasporterÓ e niente vi sarÓ impossibile (Matteo XVII, 20).

 

Possiamo ricavare da questa affermazione evangelica due conclusioni.

La prima Ŕ che nella gerarchia delle facoltÓ umane la fede Ŕ sovraordinata alla mente. Infatti la fede pu˛ operare lÓ dove la mente non riesce a concepire, come nell'idea di spostare una montagna senza alcun mezzo fisico.

La seconda Ŕ che esiste una via che va direttamente dallo spirito all'operare senza attraversare la mente ma passando per la parola. Infatti la fede Ŕ la parola dello spirito, che si pu˛ manifestare nella parola del corpo indipendentemente dalla mente, modificando la natura fisica e la percezione per vie che eludono ogni comune previsione.

La divina inabitazione della parola Ŕ infatti il segreto di ogni invocazione rivolta a Dio.

In principio era la Parola...

E anche nel "mio" principio, nel mio spirito, c’Ŕ la parola, ben prima della mente.

Ci˛ che Ŕ in alto Ŕ come ci˛ che Ŕ in basso.

Lo spirito genera la parola, e la parola pu˛ veicolare lo spirito, che per suo tramite si svela, attraversando come folgore la mente.

La mente di per sÚ Ŕ una realtÓ intermedia, Ŕ il luogo delle forme, ed Ŕ tutt'uno con la percezione.

La sua storia Ŕ la storia del corpo, il registro della nostra esperienza, il campo della nostra interiore battaglia.

La sua comprensione ha dunque valore solo in quanto divenga parola, veicolo di sempre nuova rivelazione. Se s’irrigidisce in una serie di strutture morte non ha pi¨ alcun significato.

Dolcezza e fede permettono invece di utilizzarla a proprio beneficio.

E molte vie inattese percorre lo spirito al fine di ottenere questo miracolo.

   

[12.I.1999]

   

 

Se vuoi invia un commento, specificando da che pagina scrivi:

scrivi@superzeko.net

Sommario