www.superzeko.net  

Sommario del sito

DUMNICA D'IST

Censin Pich

[tratto da: Camillo Brero e Remo Bertodatti, Grammatica della lingua piemontese. Parola - Vita - Letteratura. Edission Italian-a dla Gramtica Piemontisa 'd Camillo Brero, Edizione "Piemont/Europa", Torino, 1988, pp. 206-207]

 

Pen-a intr, a l’ha src ‘l ritrat. As trovava an sl taulin al fond d la stansia. Cand a l’ava regalajlo, chila a l’ava dun-a butalo l, al pst d’una vej fto ch’a l’era ancor citin-a. Ant la curnistta d’argent, s facin a rja anlumin dal sol e da l’asur d la colin-e e arlegr da ‘n sentiment novl. Lass a j’ero pa p torn e chiel, a peul esse p che chila, a l’ava ringratlo nen pch, ma pr chich mis a j’ero vdduse soens e a sara disse che ansema as trovavo bin. Peui, con l’ann neuv o miraco gi prima, nop d s-ciarisse ln ch’a provavo, ij s ancontr a son fasse p rir, ma mentre chila as lassava tuta pij da studi e travaj e da le cite dscuerte dla vita, chiel a l’ava mai chit ‘d pensela.

A-j scriva meno che na vlta, ma pen-a a trovava un moment un p p longh d pas - che pchi si moment! - magara an sle banche ‘d pera d’un giardin d’una sitadin-a lontan-a, trames un treno e l’utr. A j’era mach tanta lus col dp mesd ant la piassa scasi deserta - ij son e le vos forst, ch’a-j rivavo smort, as frmavo ai confin d soa consiensa -, ma chiel a l’ava src apsta la solitdin pr pens mej a chila.

Pr la stra a l’era pro ciamasse com a l’avra trovala. Fin-a ‘l pais, na vlta famijar, adss a lo genava. Prch lass score tuti coj mis? A l’ peui mal f arpij ‘l cavion d la bin.

Vdde s ritrat a l’ava ‘d bt an blan pasiaje l’afann e butalo ‘d bonimor. As vardava d’antorn: tut parj d prima; fin-a la bota ‘d barbera veja, ch’a l’ava portaje l’ann pass, a l’era a s pst, ant l buf. Tut, franch tut parj d prima. ora a-j ofra ‘l sirp d grite fit an ca - na delissia: as visava pro ch’a l’ava complimentajlo tant -. Da fra a-j rivava odor d fen. A l’era n’anada d’r, con la cud e la pieuva ch’a-i fasa damanca, al moment giust.

As la beicava con s euj grand, ch’a fissavo ancreus: a-j smijava p calma, meno masn, ma forse a l’era mach n’impression. Miraco a l’era fin-a ‘n p trascurasse, ma a chiel a-j andasa bele parj. A l’ sentusse algher coma da ‘n pss a provava p nen.

A l’era da la fin d l’utra ist ch’a l’avo ancamin a vdd-se meno. Darmagi, prch l’otogn, con s ross e giun sfum, con soa pas, arlongh j’arian e le filere d’arbre silensiose, a poda esse testimni discrt d’un p grand sentiment.

As arcodava d’una dumnica che, bele dal treno, a la vista dla campagna, con soe milanta strajle ch’a tajavo ‘l verd ancor viv, scasi fin-a a le montagne bleussiel - l color dij s euj! -, l’nima as ampina ‘d dosseur. Ma chiel a l’era magon, nen avend pod and da chila. Prch nen pij ‘n treno dla neuit, dp avj pass na giorn ‘d boneur!?

Tute le stagion a dovo esse n’anciarm ant s pais ch’a conservava s profil e s color antich e un mar d verd l’antorn. D’invern - a l’era staje doe vlte sensa mai podjla ancontr, e na tersa vlta chila a lo spetava, ma chiel a l’era nen riv, arcass andarera da ‘n nebion sensa fin -, ant le bele giorn, peui nen tant rire, tut a dova pij na forma p sclinta, com ant na pitura ‘d Menzio.

A l’ava fin-a prd, p tard, la vision d la prima, con j spi verd pontegi ‘d papver e col odor e col sens d neuv e ‘d polid. Ora ant ij camp d gran a j’era mach p le stobie taj.

Dabon, chila a l’era chrsuva: ij s sentiment a-j smijavo p misur, p giudissios. A son cal ansema vers l pra dap dl pais, longh l fium. A l’era staje un temp che ln ch’a l’avra vorsuje d, nen podendla ancontr che pche vlte al mis, a-j lo scriva. Peui a pairava sempe meno o a-j mmiso p nen parle. Adss a j’ero mach p lor e la campagna e un gran silensi. Ij pchi laurau a dovo esse tuti ant cc. l fium a cora gonfi d’eva. La suitin-a, da l, a l’era nen fasse sente. A l’ha sfior con na man l’onda tbbia. Chila, prima ‘n p spalia, a arpiava viaman color. A l’ha tocaje ‘l facin e ij cavj con ij dij ancor bagn. Prch nen dije tuta soa bin? Ma a l’ava gi nen fajla cap sensa parle, bele ant s moment, vardandla ant j’euj e carssandla?

Mentre a marciavo vers ca, a l’han ancontr ‘d gent; a son salutasse,ma a chiel a l’ smijaje ‘d cheuje un sens d gel e ‘d difidensa. A l’avo por ch’a-j la portissa via? A l’ha grign drinta ‘d chiel pr coste soe fantase. A l’era torna ora ‘d parte. Se serte giorn a durisso tuta la vita! A l’ha piaje le man frte ma bele, con ij dij longh e drit - da pianista, a sara disse -, e a son basasse. Ant j’euj e ant la vos as capa tut l’arciam che provavo. A l’ arcodasse dla veja canson:

A l’ha piala pr soe man bianche,
an gropeta l’ha tir.
A l’ha mnala sle colin-e
dova j’ l’erbtte fin-e,
doi, tre vlte s’a l’ha bas.

A sara piasuje cantela - e vivla ansema, dc ant ij vers ch’a mniso aprss -, ma chila as geneva a cant.

Chiel a senta che costa a sara stita un-a dj’ltime giorn dl’ist, ma a-j fasa nen malincona, avend artrov la p dossa dle sicursse: cola d’avj mach chila, sempre chila an cheur. E sta vlta, pensand al cheur, a rija nen. A l’ha lassaje le man. A j’ero p nen davzin e as salutavo con j’euj e con l brass. A l’ha ancor vistla an sl porton. A l’era nen n’arvdd-se comsissa, ma la promssa d’una p longa stagion d bin, l premi p bel che, pr avj chrd ‘dc ant ij mis d la lontanansa, a fusso meritasse.

 


 

DOMENICA D'ESTATE

Censin Pich

 

Traduzione italiana di Dario Chioli
24.III.2004

 

Appena entrato, cerc il ritratto. Si trovava sul tavolino al fondo della stanza. Quando gliel’aveva regalato, lei l’aveva subito messo l, al posto d’una vecchia foto in cui era ancora piccolina. Nella cornicetta d’argento, il suo visino rideva illuminato dal sole e dall’azzurro delle colline e rallegrato da un sentimento nuovo. Lass non erano pi tornati e lui, forse pi di lei, l’aveva rimpianto non poco, ma per qualche mese s’erano visti di frequente e si sarebbe detto che stavano bene insieme. Poi, con l’anno nuovo, o fors’anche gi prima, invece di chiarirsi quanto provavano, i loro incontri si fecero pi rari, ma mentre lei si lasciava prender tutta da studio e lavoro e dalle piccole scoperte della vita, lui non aveva mai smesso di pensarla.

Le scriveva meno di una volta, non appena trovava un momento di pace un po’ pi lungo - quanto pochi questi momenti! - magari sulle panche di pietra d’un giardino d’una cittadina lontana, tra un treno e l’altro. C’era soltanto tanta luce, quel pomeriggio, nella piazza quasi deserta - i suoni e le voci straniere, che vi arrivavano smorzate, si fermavano ai confini della sua coscienza -, ma lui aveva cercato la solitudine appositamente, per meglio pensare a lei.

Per la strada si era ben chiesto come l’avrebbe trovata. Perfino il paese, gi familiare, adesso lo intimidiva. Perch lasciar passare tutti quei mesi? difficile poi ripigliare il bandolo dell'affetto.

Vedere il proprio ritratto gli aveva di punto in bianco calmato l’affanno e lo aveva messo di buonumore. Si guardava d’intorno: tutto come prima; persino la bottiglia di barbera vecchio, che le aveva portato l’anno passato, era al suo posto, nella credenza. Tutto, semplicemente tutto come prima. Ora gli offriva lo sciroppo di ciliegie fatto in casa - una delizia: ben si ricordava che gliel’aveva lodato tanto -. Da fuori veniva odor di fieno. Era un’annata d’oro, con il caldo e la pioggia di cui c’era bisogno, al momento giusto.

Se la guardava coi suoi occhi grandi, che fissavano in profondit: gli sembrava pi calma, meno bambina, ma forse era solo un’impressione. Fors’anche s’era un po’ trascurata, ma a lui andava a genio cos. Si sent allegro come non sperimentava da un pezzo.

Era dalla fine dell’estate precedente che avevano preso a vedersi di meno. Peccato, perch l’autunno, col suo rosso e giallo sfumato, con la sua pace, lungo i rigagnoli e le filiere di pioppi silenziosi, poteva essere testimone discreto d’un pi grande sentimento.

Si ricordava d’una domenica in cui, fin dal treno, alla vista della campagna, con le sue innumerevoli stradicciuole che tagliavano il verde ancor vivo, quasi fino alle montagne celesti - il colore dei suoi occhi! -, l’anima si riempiva di dolcezza. Ma lui era angosciato, non avendo potuto andare da lei. Perch non prendere un treno della notte, dopo aver trascorso una giornata di felicit!?

Tutte le stagioni dovevano essere un incanto in questo paese che conservava il suo profilo e il suo colore antichi, e un mare di verde d’intorno. D’inverno - vi era stato due volte senza mai poterla incontrare, e una terza volta lei lo aspettava, ma lui non era arrivato, respinto indietro da un nebbione senza fine -, nelle belle giornate, non poi tanto rare, tutto doveva assumere una apparenza pi limpida, come in un quadro di Menzio.

Aveva anche perso, pi tardi, la visione della primavera, con le spighe verdi punteggiate di papaveri e quell’odore e quel senso di nuovo e di pulito. Ora nei campi di grano c’erano soltanto pi le stoppie tagliate.

Veramente, lei era cresciuta: i suoi sentimenti gli sembravano pi misurati, pi giudiziosi. Scesero insieme verso il prato vicino al paese, lungo il fiume. C’era stato un tempo in cui ci che avrebbe voluto dirle, non potendola incontrare che poche volte al mese, glielo scriveva. In seguito aveva sempre meno tempo o non gli venivano pi le parole. Adesso c’erano solo pi loro e la campagna e un gran silenzio. I pochi lavoratori dovevano essere tutti in casa. Il fiume correva gonfio d’acqua. La siccit, da quelle parti, non s’era fatta sentire. Sfior con una mano l’onda tiepida. Lei, dapprima un po’ pallida, riprendeva a mano a mano colore. Le tocc il visino e i capelli con le dita ancora bagnate. Perch non dirle quanto le voleva bene? Ma non glielo aveva gi fatto capire senza parole, anche in questo momento, guardandola negli occhi e accarezzandola?

Mentre camminavano verso casa, incontrarono della gente; si salutarono, ma a lui sembr di cogliere un sentimento di gelo e diffidenza. Avevano paura che gliela portasse via? Rise tra s per queste sue fantasie. Era di nuovo ora di partire. Se certe giornate durassero tutta la vita! Le prese le mani forti ma belle, dalle dita lunghe e affusolate - da pianista, si sarebbe detto -, e si baciarono. Dagli occhi e dalla voce si capiva tutta l’attrazione che provavano. Si ricord una vecchia canzone:

La prese per le sue mani bianche,
e se la mise in groppa.
La condusse sulle colline
dove ci sono le erbette pi dolci;
due, tre volte se la baci.

Gli sarebbe piaciuto cantarla - e insieme viverla, anche nei versi che venivano dopo -, ma lei si sentiva impacciata a cantare.

Sentiva che questa sarebbe stata una delle ultime giornate dell’estate, ma ci non gli dava malinconia, avendo ritrovato la pi dolce delle sicurezze: quella d’avere solo lei, sempre lei nel cuore. E questa volta, pensando al cuore, non rideva. Le lasci le mani. Non erano pi vicini e si salutavano con gli occhi e con le braccia. La vide ancora sul portone. Non era un arrivederci qualunque, ma la promessa d’una pi lunga stagione di bene, il premio pi bello che, per aver creduto anche nei mesi della lontananza, si fossero meritati.

 

[Ringrazio Miguel Afonso Linhares che dal Brasile mi ha segnalato e inviato la versione elettronica di questo bellissimo piccolo idillio; e ringrazio soprattutto Censin Pich per averlo scritto, sperando che non si secchi se l'ho riprodotto]

 

 

Se vuoi invia un commento, specificando da che pagina scrivi:

scrivi@superzeko.net

Sommario