www.superzeko.net  

Sommario del sito

   

CANTI D'AMORE ARMENI

   

[da:  Canti popolari armeni, a c. di Domenico CiÓmpoli, Carabba, Lnciano, 1921, pp. 5-6]

   

I

   

O spiriti del ciel, gentili uccelli,
vorrei salire sopra le vostre ali;
unirmi al vostro stuolo,
fuggir con voi;
vorrei staccar l'anima mia dal corpo,
vivere ne le nuvole,
trovarvi la diletta mia.

lo ho la nostalgia de gli occhi suoi;
io ho la nostalgia del suo cuscino.
Vorrei legarla con le trecce alla mia cintura;
e sospeso restar fra terra e cielo,
sino al giudizio estremo,
sino alla sentenza finale.

   

II

   

Una fontana, sul monte Menzur,
scorre sotto il salice chiomato;

dalla bocca d'argento
l'acqua discende nella vasca d'oro.

Due belle brune
son venute ad empir le loro brocche.

Due giovani, robusti come atleti,
passan di lÓ a cavallo.

"O giovinetta, deh, per la giovent¨ di tuo fratello,
dammi una goccia d'acqua della brocca".

"╚ calda l'acqua mia; non Ŕ freddata;
pi¨ d'uno Ŕ morto per amor di noi".

"Versamene una goccia ch'io la beva,
e ch'io dopo ne muoia,

e avvenga come se mia madre mai
non m'abbia messo al mondo".

   

   

   

Se vuoi, invia un commento a:

scrivi@superzeko.net

ritorno alla pagina precedente

ritorno alla pagina iniziale