www.superzeko.net  

Sommario del sito

POESIE VARIE

Alessandro Defilippi

  

Alessandro Defilippi Ŕ nato nel 1956 a Torino, dove vive e lavora come psicoanalista. Ha pubblicato: i libri di racconti Una lunga consuetudine (Sellerio, Palermo, 1994), Cuori bui e usanze ignote (Antigone, Torino, 2006), Il teorema dell'ombra (Anordest, Villorba, TV, 2014); il racconto Per una cipolla di Tropea (in: AA.VV., Giallo Panettone, Mondadori, 2012); i romanzi Locus Animae (Passigli, Firenze-Antella, 1999; Mondadori, Milano, 2007), Angeli (Passigli, 2002), Le perdute tracce degli dei (Passigli, 2008), Manca sempre una piccola cosa (Einaudi, Torino, 2010), Danubio rosso. L'alba dei barbari (Mondadori, 2011), La paziente n. 9 (Mondadori, 2012), Viene la morte che non rispetta. Un caso del colonnello Anglesio (Einaudi, 2015), Donne col rossetto nero. Un nuovo caso del colonnello Anglesio (Einaudi, 2017). Ha partecipato alla sceneggiatura del film Prendimi l'anima (2003) di Roberto Faenza, scrive recensioni, ed ha composto poesie fin dalla prima giovinezza. Cfr. su questo sito Poesie varieRime aspre senza musicaDialogo poetico semiserio (scambio scherzoso di rime con Dario Chioli).

   

   

IO

   

Io, punto di fuoco
del mio pensiero.
Io, proiezione
meridiana del sole.
Io, quarto lato
del triangolo,
e freccia stellata
dentro il cielo del sud.

Do ombra ai cavalli
la notte,
alla luce della luna
li invito a fuggire.

   

19.I.1974

   

   

LA CASA SUL FIUME

   

E quando il nostro amore
dormirÓ sotto il muschio,
e cadranno le foglie
degli alberi a primavera,
per stare ancora a lei vicino,
e quando la casa sul fiume
pi¨ non ci attenderÓ
col battito delle sue ciglia
nei grigi mattini di limpida aria,
e lei, e i suoi gesti
saranno uno stelo, un sasso tra l'erba,
allora noi torneremo,
dalle terre molto lontane,
e dopo avere lungamente pianto,
sfioreremo con mani gelose la terra,
cercheremo con gli occhi uno stelo,
e d'improvviso, per il nostro tardivo dolore
(e per le foglie cadute
dagli alberi a primavera),
dalla casa sul fiume
ci sentiremo chiamare.

   

30/I/1974

   

   

 

Se vuoi invia un commento, specificando da che pagina scrivi:

scrivi@superzeko.net

Sommario